Vacanze a Velturno: proposte culturali

Castel Velturno

Castel Velturno risale al tardo XVI secolo ed è uno dei pochi esempi rimasti – e sorprendentemente ben tenuti – di architettura del Principato di Bressanone. Per lungo tempo è stato proprietà del Principato, fino a che non cadde nelle mani di austriaci e bavaresi. Nel corso del tempo i signori del castello si sono avvicendati l’uno all’altro. Nel 1979, però, l’Alto Adige ha preso proprietà del relitto e in tre anni, attraverso un accurato lavoro di restaurazione, l’ha riportato a nuova vita. Oggi Castel Velturno è a buon titolo una pietra miliare della cultura locale ed è aperto al pubblico da marzo a novembre. Inoltre l’edificio ospita diverse esposizioni ed eventi, accogliendo nella sua cornice evocativa anche appassionati di musica e arte.

Monastero di Sabiona a Chiusa

In posizione dominante sulla città di Chiusa troneggia un altro prezioso monumento. Sul Sabiona – il “monte sacro” del Tirolo – si trova infatti il Monastero di Sabiona, custode di innumerevoli storie. La regione era infatti abitata già ai tempi della pietra e sull’area del monastero sono state ritrovate anche le tracce di un accampamento tardo-romano. In passato il monastero fu il ponte per la diffusione del cristianesimo in Alto Adige, come dimostrato dai rinvenimenti archeologici.

Nel 1687 l’imponente edificio divenne monastero benedettino e ancora oggi nell’area capita non di rado di incrociare qualche suora. Altri aspetti interessanti non mancheranno di stupire i visitatori, come le diverse cappelle, la fontana del Giubileo e la Chiesa della Santa Croce che ospita la tomba monumentale del vescovo Ingenuino di Sabiona.

Da Velturno si dirama una splendida via escursionistica che raggiunge il Monastero di Sabiona, uno dei più antichi luoghi di pellegrinaggio d’Europa. Sulla strada si raggiunge anche Castel Velturno, da dove poi il percorso prosegue fino a destinazione. Ai tempi dei Törggele questa via divenne una delle attrazioni principali della regione, in quanto non premia gli escursionisti solamente con il maestoso monastero, ma anche con un panorama eccezionale e con la scoperta delle delizie culinarie locali. Qui si pensa proprio a tutto: al piacere dei sensi e dello spirito.

eos01884frbl

Chiusa

La cittadina di Chiusa è il cuore della Valle Isarco e incanta i visitatori con il suo fascino unico. Chiusa offre un’interessante mescolanza di mura, case storiche e comode strutture. Qui vengon realizzati anche prodotti artigianali regionali e deliziosi piatti della tradizione culinaria. Fino a 100 anni fa Chiusa era una destinazione molto popolare tra gli artisti, persino Albrecht Dürer utilizzò questa colorita cittadina per la sua opera “La grande fortuna”. Per questo Chiusa si pregia con buon diritto dell’appellativo “Citta di Dürer”.

Chiusa rappresenta oggi un punto nodale della regione. Le vie di comunicazione per ferrovie, autobus e auto sono in condizioni ottimali e non mancano nemmeno numerose vie escursionistiche che proprio da Chiusa traggono inizio. Foreste colorite, impressionanti castagneti, ampi vigneti e molto altro attendono chi si inoltri sui sentieri in cerca di emozioni e scoperte. Chi volesse invece un percorso più rilassante può orientarsi verso la passeggiata nella natura che ha inizio proprio nel centro cittadino.

Da Velturno potrete raggiungere Chiusa con l’autobus in 10 minuti.

Bressanone

Bressanone ha qualcosa in serbo per i suoi visitatori in ogni stagione dell’anno. Da una parte c’è una città piena di vita e di cultura, dall’altra si trovano ogni genere di attività all’aria aperta nelle immediate vicinanze. D’estate si può godere di tutta la bellezza della natura con gli spettacolari sentieri escursionistici, mentre d’inverno vi attendono le più lunghe piste di tutto l’Alto Adige. Se siete in cerca del massimo divertimento sugli sci, allora la vicina cima Plose è quello che fa al caso vostro. Non sono solamente i professionisti ad amare i suoi pendii, ma anche i principianti che trovano molte occasioni per praticare sia gli sci che lo snowboard. In uno dei tanti rifugi potrete gustare una bevanda calda e magari vi ritroverete a progettare il vostro ritorno a Bressanone per l’estate. Escursioni variegate, gite in bici, uscite a cavallo, così come le grandi emozioni del paragliding e del rafting, vi aspettano ogni anno sotto il sole dell’Alto Adige.

I circa 20.000 abitanti di Bressanone saranno lieti di accogliervi per condividere con voi i meravigliosi castagneti, le foreste di abeti, i frutti della terra e i deliziosi vini qui prodotti.

Da Velturno potrete raggiungere Bressanone con l’autobus in 10 minuti.

 

brixen

Galleria fotografica

Al Mittermüllerhof c'è molto da scoprire